E’ LEGGE !

Approvata al Senato la legge quadro per la mobilità ciclistica. Un momento storico per Fiab e l’Italia. Il risultato di oggi è frutto di un lavoro di tanti, che ha radici lontano nel tempo, oltre 30 anni per FIAB.

Fiab Mestre è orgogliosa di essere parte della grande famiglia FIAB e ringrazia quanti, anche in ambito locale, si prodigano per promuovere una mobilità più ciclistica e uno stile di vita più sostenibile per tutti.

In cosa consiste

In sintesi diciamo che d’ora in poi, a tutti i livelli da quello nazionale, a quello regionale fino a quello comunale, ogni amministrazione dovrà pianificare anche la mobilità ciclistica che raggiunge il livello di qualsiasi altra rete trasportistica che deve essere pensata, pianificata e realizzata, con l’obiettivo di migliorare la qualità urbana, l’ambiente e le città, oltre che di promozione turistica.

L’aspetto fondamentale è il principio generale del codice della strada che non deve più garantire solo la “fluidità del traffico”, ma da oggi in poi dovrà anche garantire la mobilità sostenibile e la circolazione dei velocipedi…. Scusa se è poco! Siamo particolarmente orgogliosi perchè il testo di questa legge l’ha scritta FIAB oramai diversi anni fa e averla portata a casa ALL’UNANIMITA’ di tutte le forze politiche è un successo che ci fa davvero passare il Natale con la consapevolezza di avere contribuito a migliorare questo paese. C’è ancora molto da fare, ma le fondamenta di una Italia più ciclabile sono state gettate.

Maggiori informazioni sulla legge sul sito nazionale: LEGGE QUADRO MOBILITA CICLISTICA

 

Rispondi